Woody Allen passa al contrattacco e fa causa ad Amazon Studios

-
110
Woody Allen passa al contrattacco e fa causa ad Amazon Studios

Se la carriera di Woody Allen è terminata o meno potrebbe deciderlo un tribunale. Il cineasta ha infatti fatto causa ad Amazon Studios perché l’accordo di produzione e distribuzione dei suoi film è stato terminato senza un valido motivo. Secondo i legali di Allen infatti la compagnia avrebbe adoperato come motivazione principale un’accusa di molestie sessuali senza fondamento di venticinque anni fa, cosa di cui tra l’altro i dirigenti di Amazon Studios erano largamente al corrente quando hanno stretto l’accordo. Il riferimento è quello alle accuse portate da Mia Farrow nel periodo successivo alla loro burrascosa separazione negli anni ’90.

Ripercorriamo le tappe dell’accordo Allen/Amazon Studios: dopo la realizzazione della miniserie Crisis in Six Scenes, la compagnia ha siglato un accordo per quattro lungometraggi che avrebbero garantito alla società di Allen, la Gravier Productions, un introito garantito tra i 68 e i 73 milioni di dollari. Cafe Society e La ruota delle meraviglie sono stati distribuiti, poi nel 2016 l’articolo pubblicato da Ronan Farrow su Hollywood Reporter ha scatenato nuovamente il finimondo, rimettendo in discussione l'integrità di Allen. Ed ecco che Amazon ha tentennato, mettendo in ghiaccio a tempo indeterminato il suo ultimo film A Rainy Day in New York, interpretato da Timothée Chalamet, Jude Law e Selena Gomez. Il film sarebbe dovuto uscire originariamente nel 2018, ma le polemiche hanno suggerito ad Amazon Studios uno slittamento al 2019, accettato tra l’altro dallo stesso Allen.

A quanto pare invece lo scorso giugno la società ha deciso di annullare definitivamente l’accordo, ed è per questo che adesso Allen l’ha citata in giudizio chiedendo i 68 milioni di dollari all’inizio pattuiti, più eventuali danni economici derivati dall’annullamento degli accordi.

Dipenderà dunque da tale causa se riusciremo a vedere A Rainy Day in New York, o addirittura altri film dell’autore newyorkese oggi ottantatreenne?  



Adriano Ercolani
  • Critico cinematografico
  • Corrispondente dagli Stati Uniti
Lascia un Commento
Lascia un Commento
Livres, BD, revues | HMV bought by Canadian Music Entrepreneur | Surface (1)